fbpx
Asia

3 GIORNI A BANGKOK: COSA VEDERE, DOVE MANGIARE E DOVE DORMIRE

Pinterest LinkedIn Tumblr

Bangkok è immensa, caotica, rumorosa, affollata e dannatamente afosa, quando arrivi in questa città per la prima volta non sai mai se sopravvivrai o se lei avrà la meglio su di te.
Quando vedi le sue strade sature come non avresti mai pensato lo sconforto ti assale, e nella tua testa la modalità viaggiatore viene subito rimpiazzata da una tipologia più consona: guerriero ninja pronto a combattere per la vita!
Ma poi arriva il tramonto con i suoi colori affascinanti, rosa, e qualche sprazzo di arancione, la sera, le luci soffuse della città rendono meno evidenti alcuni aspetti del posto, traffico e caldo, ed allora provi a nascondere le armi e lasciarti rapire dalle sue bellezze, ed in un certo senso ti ritrovi cullato dal suo disordine che dopo l’iniziale resistenza è persino diventato tuo compagno.
Bangkok è così, o la ami o la odi, o l’accetti o devi fuggire da lei, ma se riesci ad entrarci in confidenza non saprai resistere al suo fascino, alla sua storia e ai suoi meravigliosi templi.

Itinerario 1 giorno a Bangkok

Grande Palazzo Reale e Budda di smeraldo, Wat Phra Kaew

Non puoi lasciare Bangkok, se prima non hai visitato il Grande Palazzo Reale. Questa è probabilmente l’attrazione più famosa che la città ha da offrire. L’architettura del Grande Palazzo Reale è incredibilmente bella e diversa da qualsiasi altra cosa che avrai mai visto.
Sia il Grande Palazzo Reale che il Tempio del Buddha di Smeraldo si trovano nello stesso complesso, quindi puoi visitarli entrambi contemporaneamente.
Il biglietto d’ingresso è di circa 15 euro. Il complesso del Grande Palazzo Reale contiene più di 100 edifici, quindi probabilmente avrai bisogno di almeno 2/3 ore per esplorarlo.
Fu il re Rama I, che trasferì il palazzo reale da Thonburi a Rattanakosin nel 1782.

Il nuovo complesso del palazzo è stato progettato nello stesso modo dell’antica capitale settentrionale di Ayutthaya, nella speranza che questo avrebbe portato fortuna al Siam. Le successive generazioni di re Chakri aggiunsero ulteriori Sale del Trono al complesso del tempio e così il Gran Palazzo continuò ad espandersi.
Molti degli edifici del Grande Palazzo Reale sono attualmente chiusi al pubblico.
Molto belli anche gli esterni con tutte le decorazioni ed i maestosi giardini.
Il punto culminante principale del complesso del Grande Palazzo Reale è, ovviamente, Wat Phra Kaew, un grande tempio che ospita la storica statua del Buddha di smeraldo, che rappresenta l’immagine sacra più venerata del regno, simbolo religioso del Paese.
Il Buddha è in realtà realizzato con la giada e misura 66 cm di altezza compresa la base e 48,3 cm di larghezza, e secondo la leggenda fu scolpito in India nel 43 a.C.
L’interno del tempio è ricoperto di murales che raffigurano la vita di Buddha – a partire dalla sua nascita in Nepal – i suoi passi verso l’illuminazione e la cosmologia buddista dei mondi del desiderio, dell’essere e dell’illusione
• Orario di apertura: tutti i giorni 8:30 – 15:30
• Prezzo del biglietto: 15 euro circa

Wat Arun- Tempio dell’alba

Dopo aver fatto il pieno del Grande Palazzo Reale, attraversa il fiume fino a Wat Arun. Se hai preso il traghetto sul fiume, probabilmente hai già intravisto questo bellissimo tempio sulla strada per il Gran Palazzo.
Nessuno sa quanti anni abbia realmente l’attuale tempio di Wat Arun.
Quando entri nel complesso del tempio, sei accolto da due enormi statue di demoni (yaksha). La statua bianca rappresenta Sahassateja, quella verde Tasakanth, ed entrambe guardano contro gli spiriti maligni. Mentre ti avvicini alla base del Wat Arun alto 81 metri, osserva bene le sculture di soldati e animali cinesi che sostengono i primi livelli della torre. Verso la cima della torre, troverai quattro statue che rappresentano il dio indù Indra in sella al suo elefante Erawan.

wat arun bangkok
A Wat Arun così carica e ricca di dettagli il tempo scorre velocemente specie se esamini ogni singola statua come fa Fabio, ma ricorda che hai ancora tante cose da vedere.
La salita alla vetta è ripida e faticosa ma sarai ricompensato dai panorami mozzafiato
• Orario di apertura: tutti i giorni dalle 7:30 alle 17:30.
• Prezzo del biglietto: circa 2 euro.
• Traghetto per attraversare il fiume: i traghetti partono da Tha Tien ogni 10-15 minuti dalle 6:00 alle 22:00 e costano solo 0.20 €.
• È consigliata la visita all’alba infatti è anche chiamato tempio dell’alba, per i colori magici che assume con le prime luci del mattino

bangkok wat arun

Wat Pho: Tempio del Buddha reclinato

Ora è arrivato il momento di visitare Wat Pho, il tempio del Buddha sdraiato. Questo è un altro tempio incredibilmente popolare, quindi per evitare la folla, è meglio visitarlo la mattina presto o poco prima dell’orario di chiusura (ti consiglio al tramonto, guarda le nostre foto e dimmi se non ne vale la pena).
Wat Pho (ufficialmente chiamato Wat Phra Chetuplon) fu costruito da Rama I sopra un altro tempio che risale al 1500 e fu completato nel 1788.
Rama I è stato ispirato dagli antichi templi di Ayutthaya. Ha raccolto frammenti di statue di Buddha dalla vecchia capitale, alcuni dei quali sono stati incorporati in questo nuovo complesso di templi.
In totale Wat Pho ha oltre 1000 statue di Buddha, ma la sua attrazione principale rimane di gran lunga il gigantesco Buddha sdraiato. Questo Buddha sdraiato lungo 46 metri e alto 15 metri fu costruito nel 1832 dal re Rama III e si trova all’interno dell’edificio Phra Virhara.
La statua placcata in oro raffigura Buddha sdraiato su un fianco, non addormentato, ma mentre ha l’illuminazione. Le piante dei suoi piedi sono ricoperte di 108 Lakshana in madreperla thailandese e indiana che raffigurano i 108 personaggi di buon auspicio del Buddha.
Il Buddha sdraiato è anche circondato da 108 ciotole di bronzo.
È possibile acquistare un sacco di monete all’ingresso. Mentre passi davanti alle ciotole di bronzo, lascia cadere una moneta in ciascuna di esse. Si dice che questo rituale porti fortuna a coloro che lo eseguono.

wat pho bangkok
Dopo aver ammirato il Buddha sdraiato, non dimenticare di girovagare nel cortile e ammirare l’antico albero della Bodhi, l’antico fico sacro le cui radici si crede siano quelle dell’albero sotto cui Buddha sedeva in attesa dell’illuminazione, così come le statue cinesi che un tempo erano usate come zavorre sulle navi e i 91 stupa splendidamente decorati con fiori di ceramica e mosaici colorati e scintillanti.
• Orario di apertura: tutti i giorni 8:30 – 18:30
• Prezzo del biglietto: circa 2 euro
Se dopo la visita al Wat Pho sei stanco qui puoi trovare la sede di una scuola di massaggio con studenti desiderosi a mettersi alla prova. Dopo una lunga giornata trascorsa esplorando i templi di Bangkok, non c’è niente di meglio di un massaggio alla testa o ai piedi.
• Orari di apertura: tutti i giorni 8:00 – 17:00 (il massaggio thailandese è disponibile fino alle 18:00)
• Prezzo del biglietto: 150 Baht x 30 min

Khao San Road

Bangkok è probabilmente meglio conosciuta per la sua vita notturna e dopo una giornata ricca di cultura, è tempo di rilassarsi con una bibita fresca consumata in una delle strade più famose della città: Khao San Road.
Khao San Road è una strada folle solitamente frequentata da backpacker, hippie e hipster ma anche da tutti i viaggiatori.
Passeggia tra le numerose bancarelle dello shopping, che vendono di tutto, da strani (e disgustosi) snack tailandesi come insetti alla brace a borse in finta pelle, magliette dipinte a mano, bellissime lanterne e tanto altro. Quindi prendi un tavolo in uno dei ristoranti o bar e ordina una birra o un cocktail e fermati ad osservare la vita di strada. Se hai abbastanza energia potresti semplicemente festeggiare tutta la notte.

Itinerario 2 giorno a Bangkok

Damnoen Saduak

Il mercato galleggiante di Damnoen Saduak si trova nel distretto di Damnoen Saduak, nella provincia di Ratchaburi, a circa 100 chilometri a sud-ovest di Bangkok.
Ci vogliono circa 2 ore per arrivare qui in auto.
Consiste in un labirinto di canali stretti che solo le barche possono navigare, ed è diviso in tre mercati più piccoli: Ton Khem, Hia Kui e Khun Phitak.

damnoen saduak bangkok
I mercati galleggianti in Thailandia sono affollati di turisti e per questo non sono un’esperienza davvero così autentica(come potrebbe essere) ma sono quasi una trappola per turisti ed infatti i prezzi sono davvero esagerati.
Il mercato galleggiante di Damnoen Saduak è costituito da vecchi e giovani venditori tailandesi che hanno aperto negozi nella speranza di vendere i loro prodotti speciali e snack dalle loro lunghe barche di legno.
La frutta e le bevande sono quelle comuni, ma qui puoi anche acquistare fritture come il Pad Thai, zuppa di noodles, snack salati su ordinazione e carne alla griglia servita su foglia di banana.
È incredibile come riescano a friggere, cucinare e creare infinite pietanze sulle loro piccole barche!
Durante la crociera lungo il mercato galleggiante di Damnoen Saduak, puoi anche sbarcare per camminare lungo le rive dei canali per visitare i negozi o per scattare foto delle attività nel mercato.

mercato galleggiante bangkok
Il mercato galleggiante di Damnoen Saduak è aperto tutti i giorni dalle 6:00 alle 17:00. Entro le 9, il mercato sarà molto affollato e il traffico in barca potrebbe far diventare interminabile la tua visita.
La nostra visita dopo il primo tratto molto carino è diventato un incubo, siamo praticamente rimasti intrappolati nel traffico di barche a respirare fumo sotto il sole cocente, sinceramente ho sentito di aver buttato tanto del mio tempo all’aria, ma non mi sono pentita dell’esperienza piuttosto degli orari prescelti.

Come arrivare al mercato galleggiante di Damnoen Saduak

Il mercato galleggiante può essere raggiunto in diversi modi, tra cui:
1. Autobus pubblici in partenza da Bangkok Southern Bus Terminal a Damnoen Saduak
2. Noleggia un taxi da Bangkok
3. Partecipa a un tour da Bangkok a Damnoen Saduak.
Per le opzioni 1 e 2, dovrai noleggiare una barca da solo per entrare nel mercato galleggiante e potrebbe costarti molto.
Se scegli un tour avrai sicuramente un trattamento più vantaggioso. La tariffa tipica per una barca a motore potrebbe costare circa 60€ a persona.
Anche se il mercato galleggiante di Damnoen Saduak è pubblicizzato come una trappola per turisti costosa, ritengo che sia un posto unico da visitare, per le operose barche che vendono ogni cosa e per l’atmosfera del mercato. È stata tutto sommato una bella esperienza, e non potevamo non farla!

Bangkok e i mercati notturni

Se hai intenzione di viaggiare in Thailandia, devi visitare almeno uno dei suoi famosi mercati notturni. E se sei a Bangkok, allora sei fortunato, perché questa città ti vizierà con le sue immense possibilità di scelta. Il tuo unico problema sarà scegliere in quale mercato vuoi andare.
L’energia e l’atmosfera di un mercato notturno di Bangkok sono incredibili e devi davvero provarlo di persona. Dopo il tramonto, il cibo, le bevande e l’intrattenimento dal vivo prendono davvero vita.

mercati notturni bangkok
Questi incontri diversi e dinamici possono essere trovati in una varietà di luoghi in tutta la capitale e attirano un numero enorme di residenti e turisti allo stesso modo. Dovresti trovare facilmente un mercato notturno vicino al tuo hotel se, come noi, non hai voglia di girovagare troppo, quella notte eravamo stanchi perché eravamo atterrati solamente poche ore prima in Thailandia.
Ricordo ancora il mercato notturno, le sue stranezze e la sue stravaganze, abbiamo finito per passare la serata in modo molto carino anche se niente era stato organizzato e preventivato.

Old Chinatown

La vecchia China Town di Bangkok, attraversa le strade strette ed affollate di questa zona per ammirare i numerosi edifici tradizionali.
È un buon posto anche per mangiare un boccone.
La storia di ChinaTown è ancora più lunga di quella di Bangkok. Molti cinesi si stabilirono nella zona negli anni tra l’800 e il 1200 d.C.
Nel 1767, dopo la distruzione di Ayutthaya, l’impero siamese trasferì la sua capitale vicino a un antico tempio indù (Wat Arun) sul lato ovest del fiume Chao Phraya di Bangkok.
Questa nuova capitale era conosciuta come Thonburi e si trovava proprio dall’altra parte del fiume rispetto ai primi insediamenti cinesi di Bangkok.
Per 15 anni entrambi gli insediamenti hanno continuato a crescere in armonia.
Ma nel 1782 il re Rama I decise di costruire una nuova capitale sul lato est del fiume, proprio nel cuore del villaggio cinese in espansione. Per costruire la sua nuova capitale chiamata Rattanakosin (conosciuta oggi come Città Vecchia), Rama convinse i cinesi a trasferirsi un paio di miglia a sud, a Yaowarat (ora conosciuta come Chinatown).
Nel corso dei secoli, a seguire mercati vivaci, templi taoisti, santuari buddisti e numerosi ed ottimi ristoranti hanno contribuito a creare una Chinatown molto bella e vivace.
Qui tra tra i più famosi mercati trovi il mercato Nakom Kasem e Sampeng Lane, in cui vendono prodotti di ogni tipo, famosa anche la zona vicino alla strada di Yaowarat, (dove trovi il Chinatown Gate) la strada principale di Chinatown, nota per le sue antiche farmacie cinesi ed i negozi di gioielli.

Itinerario 2 giorno a Bangkok

Ayutthaya

Ayutthaya l’antica capitale del regno del Siam.
Ayutthaya è una capitale del 14 ° secolo del regno di Ayutthaya o Ayudhya, fondata da Somdet Phra Ramathibodi I. La città era chiamata Ayutthaya dopo la città indiana di Ayodhya associata al dio indù Rama.
Successivamente la capitale si spostò a Bangkok ed il regno fu chiamato Tailandia.
Per gli appassionati di storia interessati alla vecchia cultura thailandese e ai templi più antichi, alcuni dei quali sono in rovina, questo è un must.
Ayutthaya è patrimonio Unesco dal 1991 ed è stato uno dei nostri momenti preferiti del viaggio in Thailandia.

ayutthaya thailandia
Posizione : Ayutthaya si trova 80 km a nord di Bangkok.
Orario di apertura : dalle 10:00 alle 17:00
Biglietti : 50 baht per gli stranieri in ogni tempio
Molti templi buddisti sono sparsi per la città, la cosa migliore sarebbe negoziare un prezzo con un tuktuk o taxi per portarti in giro nel sito Unesco di Ayutthaya, oppure puoi scegliere di girare la zona in bici, ma vista la grandezza dell’area ed il caldo lo consiglio solamente se davvero consci della fatica da fare.
Tempo richiesto : circa 3/4 ore
CONSIGLI IMPORTANTI : porta con te tanta acqua, snack, e non dimenticare cappello, occhiali da sole e crema solare.

DOVE DORMIRE A BANGKOK

Executive club at Windsor

La mia struttura preferita e che ti raccomando è Executive Club at Windsor
Situato a 500 m dallo skytrain e a 600 m dalla metro, l’Executive Club at Windsor ha una meravigliosa piscina all’aperto, un centro fitness e ristoranti, oltre ad un hall bellissima dove poter sorseggiare cocktail e respirare un’atmosfera rilassata ed elegante.
Questa struttura offre un servizio navetta gratuito per Siam Paragon, Central World e MBK Center. Nei pressi trovi i quartieri, Soi Cowboy (500 m), Emporium Shopping Mall (600 m) e Korean Town (800 m). L’aeroporto di Suvarnabhumi è a 21 km dalla struttura.
Ogni camera è dotata di aria condizionata, TV satellitare a schermo piatto, area salotto e cassetta di sicurezza. Imperdibile la magica vista dall’alto sulla città.
La camera è bellissima, ampia e con un letto confortevolissimo extra large, comodo anche il salottino ed il minifrigo.
Se ne hai bisogno puoi anche usufruire della navetta aeroportuale ed anche organizzare escursioni direttamente qui in hotel.
I ristoranti dell’hotel hanno sia una cucina thailandese sia cucina internazionale.
La colazione è anche discretamente buona e con una ampissima scelta.
Prezzo ottimo, voto complessivo 9

Prince Palace hotel Bangkok

Situato nella vecchia Bangkok, l’hotel è direttamente sopra Torre Bo Bae- un mercato di abbigliamento all’ingrosso. Affacciato su Mahanak Canale, l’hotel ha un piscina all’aperto e 7 punti ristoro
Le camere del Prince Palace sono carine e ben attrezzate con aria condizionata e TV.
L’hotel ha anche un banco escursioni.
I 4 ristoranti dell’hotel servono piatti cinesi, vietnamiti, thailandesi, giapponesi e internazionali. Le bevande sono disponibili presso lo Sky Lounge & Karaoke, il Palace Bar, il Sunset Beer Garden e il Piccadilly Pub.
Il Prince Palace Hotel dista circa 26 km dall’aeroporto di Suvarnabhumi. Khaosan Road è a soli 10 minuti di auto e per muoversi puoi prendere la barca sotto l’hotel, una comodità non indifferente che ti fa risparmiare soldi e tempo.
Prezzo interessante, posizione molto  comoda, voto complessivo 7

DOVE MANGIARE A BANGKOK: RISTORANTI VEGETARIANI E ROOFTOP

The Deck

Ti consiglio questo ristorante per la splendida vista sul Wat Arun, dopo il giro dei templi, prima del tramonto prendi il tuo tavolino nell’area esterna qui nel locale e goditi lo spettacolo.
Se puoi prenota oppure arriva prima dell’orario di punta.
La cucina è discreta e trovi anche qualche piatto vegetariano. Il servizio è veloce e gentilissimo, molto professionale.
I costi sono abbastanza turistici ma non esagerati, comunque ne vale assolutamente la pena!

Voto 9 per l’atmosfera!

May Veggie Home

http://www.mayveggiehome.com/
Un carinissimo ristorante vegetariano nel cuore di Bangkok, qui puoi ordinare un menù interamente vegano, originale e buonissimo.
Il servizio è molto efficiente ed il locale carino e con una bellissima atmosfera rilassata, qui ho mangiato una torta al cocco davvero divina!
Prezzo ottimo, voto 10!

Mango Vegetarian e Vegan

Un ristorante vegetariano e vegano vicino a Khao San Road, un posto particolare dove per mangiare bisogna lasciare le scarpe fuori.
I tavoli sono disposti l’uno di fianco all’altro per un’atmosfera molto conviviale ed internazionale, cibo molto buono e piatti ricercati e sfiziosi.
Si tratta di un locale a conduzione familiare con un servizio celere e gentile, piatti thai in chiave vegan.
RISTORANTE MANGO VEGAN–> CLICCA QUI
Prezzo ottimo, locale molto interessante, da provare!

Per quanto riguarda gli sky bar, ce ne sono tantissimi a Bangkok, adatti ad ogni gusto, ricorda però che sono dei locali abbastanza cari (e molto frequentati) ma da cui potrai godere della magica vista panoramica su tutta la città.
Ti indico solamente i 3 più famosi sky bar di Bangkok

Sky Bar Rooftop – Lebua

Un classico sky bar reso intramontabile dal film Una notte da leoni, è uno dei migliori e si trova al 36° piano ed apre alle 18.
È molto difficile trovare posto ma ha una bellissima una vista a 360° sul fiume di Chaophraya.
Indirizzo: Lebua, 1055 Silom Road, Bangrak, Bangkok, 10500

Red Sky – Centara Grand al CentralWorld

Si trova al 55esimo piano del centro commerciale CentralWorld anche qui la vista sulla città è molto bella e l’atmosfera magica.
Belli i divani su cui sorseggiare il proprio cocktail.
Indirizzo: Centralworld, 999/99 Rama 1 Road, Pathumwan

Vertigo & Moon Bar | Banyan Tree

È uno locali più cool della zona, si trova in cima al lussuoso Banyan Tree Hotel, di 61 piani.
Per cenare è assolutamente consigliato prenotare mentre per il Moon bar è necessario, vista la richiesta, raggiungerlo in orario di apertura alle 17.
Orario dalle 17 all’1 di notte
Indirizzo: Banyan Tree Bangkok Hotel, 21/100 South Sathon Road, Bangkok.

Stefania, copywriter e digital strategist, amo leggere, viaggiare ed ascoltare le storie dal mondo. Adoro l'Asia. Vegan, piena di speranza per un pianeta migliore, innamorata del mio cagnolino Giotto.

Stefania, copywriter e digital strategist, amo leggere, viaggiare ed ascoltare le storie dal mondo. Adoro l'Asia. Vegan, piena di speranza per un pianeta migliore, innamorata del mio cagnolino Giotto.

11 Comments

  1. Quante informazioni interessanti per visitare questa città. Molto utili i nomi dei ristoranti, io sono vegetariana e non è sempre facile trovare un posto dove mangiare, soprattutto quando non parli la lingua! Anche se come hai detto tu, è molto caotico, mi piacerebbe visitare il mercato galleggiante, proprio per la sua particolarità!

  2. Non sono ancora mai stata nel sud est asiatico e quindi sono solo abituata al caos europeo. Ho tantissima voglia di conoscere questo mondo e buttarmi tra la folla come un ninja hahahahah! Di Bangkok mi piacerebbe visitare il mercato galleggiante, mentre dubito che riuscirei a mangiare nel mercato notturno. Sicuramente, andrei in qualche roof top a vedere lo skyline con un cocktail in una mano!

  3. Bangkok è la città più rumorosa, incasinata, inquinata, trafficata, puzzolente e stressante che io conosca. Però io l’adoro e lei adora me: ci sono stata molte volte, per scali o per vacanza e tutte le volte mi accorgo di amarla e odiarla a giorni alterni. Ma Bangkok è così!

  4. Grazie di questo articolo: a volte quando si pensa al sudest asiatico è difficile pensare ad organizzarsi o alle cose da fare esattamente ma con questa tua guida Bangkok diventa davvero a portata di tutti! Sogno la Thailandia da tatnto tempo, terrò a mente le tue indicazioni quando partirò!

  5. Bangkok è una città incredibile trafficata, calda sconvolgente, vero o la ami o la odi ma a me piace molto

  6. Molto interessante questo articolo! Già da un po’ di tempo mi frulla in testa l’idea e il desiderio di visitare il sud est asiatico e Bangkok, e anche se ora non è proprio il momento giusto per progettare viaggi intercontinentali mi piace comunque sognare e viaggiare con la mente. Mi incuriosisce molto la duplice anima della città!

    • Un bel tour quello che hai fatto. Non ho potuto ancora visitarla ma l’ho intravista nel film Bangkok senza ritorno. Prima o poi un tour lo vorrei fare.

  7. Prima di tutto complimenti per questo bellissimo articolo! L’ho trovato davvero utile ed esaustivo, non manca davvero nulla. Detto ciò sogno da un po’ di visitare la Thailandia, da nord a sud, ovviamente dedicando anche il giusto a tempo a Bangkok. Nel frattempo che si può tornare a viaggiare ho preso nota di qualche informazione utile! 🙂

Write A Comment