fbpx
Italia

Cosa vedere a Matera in un weekend: consigli utili

Pinterest LinkedIn Tumblr

Matera, con i suoi colori, luci e panorami, e le tracce di un passato ancora vivo e straordinario, è una cittadina con un gran fascino, che con i suoi luoghi unici ed irripetibili ti condurrà in un dedalo di vicoli intrisi di storia e di vita e ti trasporterà in mondi lontani, ma ancora visibili nella loro essenza.

In gran parte scavata e costruita con tufo, la città ha una storia incredibile, qui si respira autenticità.

I sassi , antiche abitazioni rupestri abitate fino alla metà del XX secolo, e le chiese rupestri sono i posti più noti e caratteristici, ma non l’unico motivo per visitare questa perla lucana.

Matera vanta anche un superbo patrimonio artistico e culturale ed una cucina deliziosa.

Ecco cosa ti consiglio di vedere a Matera in 2 giorni.

View this post on Instagram

🔹️ 🔹️ 🔹️ 🔹️ Quando senti quel tipo di dolore non riesci più a tornare indietro. Il tuo cuore lo sa che frantumarsi ancora non è più plausibile e allora scappi via anche se lo sai che è impossibile fuggire dal proprio destino nonostante treni, aerei e passaporti. Ma perlomeno riesci ancora a perderti nel cuore del mondo e a respirare l'atmosfera di una magia che nonostante tutto torna a compiersi e ti regala una tregua di felicità. Stefy . . . . #italia_da_scoprire #matera #volgomatera #italy_destination #italy_vacations #borghitalia #italianplaces #yallersitalia #vivobasilicata #travelife #travelgram #italianarchitecture #italy_stop #igersitalia #italiaphoto #best_italiansites #lovelyitaly #matera2019 #materainside #materaitaly #shotz_of_italia #igersworldclub

A post shared by Stefania Ferri (@ferriste81) on

 

SASSO CAVEOSO

L’antico borgo materano scavato nella roccia calcarea, sul versante della Valle Gravina, nel 1993 è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. I Sassi di Matera con il loro particolare intreccio di grotte adibite a abitazioni, vicolo, chiese in pietra, terrazze, giardini, tunnel, sono un ottimo esempio di complesso architettonico perfettamente incastonato nel loro ambiente naturale.

I sassi, conservati dal Paleolitico fino ai giorni nostri, mostrano il modo di vivere nelle grotte e vicino ad esse.

I Sassi si dividono in due rioni: il Sasso Barisano, il quartiere più grande, le cui case sono oggi negozi, ristoranti e alberghi, e il Sasso Caveoso, considerato il quartiere più antico che meglio conserva l’aspetto del paese rupestre.

Il sasso caveoso si estende a sud della “Civita”, da vedere qui, la chiesa di San Pietro Caveoso, costruita a cavallo tra XIII e XIV secolo e, soprattutto, Casa Noha.

-CASA NOHA

casa noha matera

Prima di iniziare ad esplorare gli antichi quartieri ti consiglio una prima sosta a Casa Noha, il primo sito del FAI in Basilicata. L’antica casa, appartenuta alla nobile famiglia Noha, è diventata recentemente centro di informazione e documentazione turistica come il film “I Sassi invisibili. Viaggio straordinario nella storia di Matera ”. viene proiettato sui muri di pietra della casa, raccontando la storia della città, da diverse prospettive: architettura e storia dell’arte, archeologia e storia del cinema, un viaggio straordinario nella Matera di un tempo con la ricostruzione completa della storia della città dalle origini a oggi.

COSTO: 6€

RIDOTTO DA 6  A 18 ANNI: 2€

GRATUITO:

  • bambini fino a 5 anni
  • portatori di handicap
  • residenti

ORARI

dal giovedì al lunedì: ore 10:30 – 19:00. Dal 1° Agosto: ore 10.00-19.00.

SASSO BARISANO

È il più grande e centrale tra i Sassi, le grotte non sono immediatamente visibili ed il suo aspetto è molto più urbano.

Da non perdere qui:

-Chiesa di Sant’Agostino

si tratta della chiesa e di un complesso monastico costruiti alla fine del XVI secolo, dentro affreschi  e bellissime decorazioni in pietra.

-CHIESA DI SAN PIETRO BARISANO

Una delle più grandi chiese rupestri , che risale probabilmente al XII-XIII secolo, le opere che custodiva furono danneggiate o trafugate negli anni, oggi è sede di mostre temporanee.

View this post on Instagram

Ora non è semplice parlare e continuare a fare le stesse cose, ⁣ se prima prendevamo a mani piene dal mondo ora siamo costretti in una condizione di immobilità e di costrizione, ⁣ non abbiamo più modo di programmare, di disporre, di decidere, siamo in completa balia degli eventi e delle situazioni…⁣ E come ci si sente?⁣ Impotenti, a volte pieni di rabbia, paura, angoscia, spaventati per un futuro che ci sembra ci sia stato sottratto dalle mani, ma è adesso, in questa situazione intensamente difficile e critica, che dobbiamo attingere alle nostre potenti risorse interiori ed attivare quanto più possibile la nostra immaginazione e fantasia, e ricordi.⁣ ———————————————-⁣ Qui ricordo il mio fantastico weekend a Matera nel 2016, una città che con i suoi sassi patrimonio dell'Unesco, rappresenta una delle grandi bellezze della nostra Italia. MI ha colpito e conto di tornarci appena possibile per godermela anche in una stagione calda.⁣ Tu sei mai stato a Matera? ⁣ E come ti senti oggi?⁣ Un abbraccio pieno di speranza e forza.

A post shared by Stefania Ferri (@ferriste81) on

—PER SCOPRIRE I POSTI Più BELLI DOVE DORMIRE A MATERA CLICCA QUI—

CRIPTA DEL PECCATO ORIGINALE

A pochi chilometri da Matera,circa 13 km, si trova la Cripta del Peccato Originale. Si tratta di una chiesa-grotta affrescata riportata alla luce nel 1963 ed è chiamata Cappella Sistina della pittura murale rupestre.

Lo straordinario complesso pittorico (sec. VIII – IX) che decora le pareti della cripta è senza dubbio uno dei più importanti esempi di pittura medievale del Mediterraneo.

Utilizzata per lungo tempo dai pastori come ricovero per gli animali, la cavità naturale era nota ai locali come la “Grotta dei Cento Santi”, per la presenza di numerosi santi dipinti sulle pareti. Sulla parete di fondo sono riportate alcune scene bibliche della Genesi (Dio Padre Creatore, la Luce, le Tenebre, la creazione di Adamo, la nascita di Eva, la tentazione e il peccato originale), mentre nelle tre absidi sono presenti Apostoli, Arcangeli e Vergine.

COSTO:

10€, ridotto 8€

ORARI:

Da aprile a settembre

  • ore 9.00: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 9.30
  • ore 10.30: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 11.00
  • ore 12.00: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 12.30
  • ore 13.30: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 14.00 (turno straordinario in vigore solo nel mese di agosto)
  • ore 15.00: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 15.30
  • ore 16.30: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 17.00
  • ore 18.00: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 18.30

Ottobre e marzo:

  • ore 9.00: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 9.30
  • ore 10.30: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 11.00
  • ore 12.00: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 12.30
  • ore 15.00: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 15.30
  • ore 16.30: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 17.00

Da novembre a febbraio:

  • ore 9.00: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 9.30
  • ore 10.30: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 11.00
  • ore 12.00: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 12.30
  • ore 15.00: appuntamento in biglietteria, con inizio visita ore 15.30

PER INFO: www.criptadelpeccatooriginale.it/

CIVITA

 

Matera by night from Stefania Ferri on Vimeo.

Si tratta del più antico nucleo abitato della città, a cavallo tra i due sassi, per secoli è stato il centro amministrativo e religioso della città e proprio qui troviamo la bellissima Cattedrale di Matera.

—PER SCOPRIRE I RISTORANTI VEGAN E VEGAN FRIENDLY A MATERA CLICCA QUI—

CATTEDRALE

In cima alla collina, collina della Civita, si trova il Duomo di Matera da cui si gode una splendida vista sul “Sasso Barisano” con il suo campanile di 54 m. Questa costruzione della chiesa risale al XIII secolo e sorgeva sopra i resti di un monastero benedettino: Sant’Eustachio.

Dal 1627 la cattedrale fu dedicata alla Madonna della Bruna e Sant’Eustachio, protettori della città. La facciata della chiesa ha uno stile romanico – pugliese e un bel portale decorato: si possono vedere la statua della Madonna della Bruna, un imponente rosone a 16 raggi (simbolo della ruota della vita) e l’arcangelo Michele che uccide il drago con due figure maschili ai lati e una in basso che funge da atlante.

Sulla facciata laterale della cattedrale vi sono altre due porte minori: una “porta di strada” adornata con un bassorilievo di Abramo, e una “Porta dei Leoni” così chiamata per la presenza di statue di due leoni a protezione della fede. Si può ammirare anche il campanile, alto 52 m, a 4 piani con bifore.

L’interno, restaurato in epoca barocca, è a croce latina con tre navate separate da colonne con capitelli figurativi medievali.

Oltre al celebre presepe in pietra realizzato nel 1534 da Altobello Persio, la Basilica custodisce numerosi tesori tra cui: un affresco bizantino della Madonna della Bruna con Bambino del “Maestro della Bruna”, (XIII secolo), il “Giudizio Universale”, frammenti (Inferno e parte del Purgatorio) di un ciclo di affreschi, il bel coro ligneo scolpito nel 1453 da John Wee e la grande pala d’altare dell’altare maggiore “Vergine con Bambino e Santi” di Fabrizio Santafede (1580).

24 Comments

  1. Matera mi attira da molto tempo e non sono ancora riuscita ad andarci. Il tuo articolo mi ha convinto ancora di più, grazie delle indicazioni dettagliate per le visite. Mi ha fatto sorridere l’idea che le pecore vivessero sotto una volta affrescata con immagini di santi… quando si nasce in un paese in cui la bellezza è di casa, diventa quasi normale.

    • admin Reply

      Ciao Anto, sono felice che il mio articolo sia stato uno sprono per una visita!
      Un saluto

  2. Sto già pensando alle mete per l’estate del 2021 (mi piace portarmi avanti, o meglio, sognare) e sicuramente Matera è nella lista! È da anni che sogno di visitare questa città. Ultimamente poi in Instagram ho visto tantissime foto dei famosi sassi e quindi il desiderio di visitarla è certamente aumentato. Intanto ti ringrazio per questi consigli

  3. Non sono mai stata a Matera, ma devo assolutamente decidermi ad andarci.mi lascio sempre frenare dal fatto che sia scomoda da raggiungere!

      • Matera, capitale della.cultura 2019… Quanto mi sarebbe piaciuto visitarla e, leggendo tutto ciò che c’è da veder e, questo desiderio è aumentato! Spero di riuscire ad andarci il prima possibile

  4. Sono stata a Matera qualche anno fa, quando non era ancora una destinazione popolare, ti confesso che mi piacerebbe molto tornarci per rivederla!

  5. Articolo molto interessante. Da sempre ho il desiderio di visitare Matera, ma tra un motivo ed un altro non ci sono ancora andata. Con questa tua guida sarà più semplice organizzare al meglio una vacanza nella splendida città dei sassi. 😊

  6. Ero stata invitata a Matera un paio di anni fa per un blog tour ma per motivi di lavoro non ho potuto partecipare e da allora ogni volta che ne sento parlare mi sento un pochino male. Oltre alla bellezza del luogo, ho letto che si mangia benissimo quindi la mia curiosità è davvero alle stelle. Spero di poter rimediare nei prossimi mesi!

    • admin Reply

      Ciao Silvia,
      sì ti confermo che si mangia anche bene!
      Spero potrai recuperare presto,
      un saluto!

  7. Continuo a dire che ci devo andare e che devo assolutamente vederla e alla fine? Non riesco mai ad andarci! Grazie della pratica guida, speriamo di riuscire a visitarla il prima possibile!

  8. Ci sarei tanto voluta andare ora che sono stata in Puglia, era li a due passi, ma nulla. Non ce l’ho fatta. Spero di andarci presto. Molto carino il video 😉

  9. Bellissima Matera una grande bellezza d’Italia e un grande vanto dopo esser stata la vergogna d’Italia oggi ha avuto una rivalutazione del tutto meritata1

  10. Probabilmente riuscirò a visitare Matera quest’anno…sono anni che aspetto di farlo ma questo sembra quello buono! 🙂 Quindi salvo l’articolo perché mi tornerò sicuramente utile

  11. Matera è uno di quei luoghi che ho da tempo nella lista dei desideri ma ,non essendo propriamente a due passi da casa, non ho ancora avuto modo di visitare. Mi sono segnata tutti i tuoi consigli, grazie dei suggerimenti.

Write A Comment