fbpx
Asia

SRI LANKA: VISITARE SIGIRYA E LA ROCCA

Pinterest LinkedIn Tumblr

Lo Sri Lanka è una piccola perla nell’Oceano Indiano con un grande patrimonio, un paesaggio pittoresco, spiagge affascinanti, natura rigogliosa e la possibilità di fare tante esperienze diverse in un solo viaggio, in una sola nazione.
La più nota tra le tante attrazioni del paese, è sicuramente Sigiriya è uno dei luoghi più famosi per i turisti anche perché si tratta di un posto che è patrimonio dell’Unesco dal 1982 per la sua bellezza ed importanza storica.
Scopriamo qualcosa di più su Sigirya che ovviamente è stata anche una delle mete del nostro viaggio.

La storia di Sigiriya

Il nome “Sigiriya” deriva dalle parole “Sinha Gira“, che significa roccia del leone. Infatti all’ingresso della fortezza, si possono ammirare le giganti zampe di leone incise, da questo il nome della fortezza “La Sigiriya”.
Si ritiene che il resto del corpo del leone sia decaduto con il tempo e oggi si possano vedere solo le zampe.
Il re Kassapa è considerato il fondatore della fortezza di Sigiriya.
La roccia di Sigiriya è come una rocca inespugnabile che ha una sua protezione naturale. I canali d’acqua naturali circondati dai boschi e la ripida formazione rocciosa lo rendono difficile da raggiungere.
La roccia di Sigiriya è la vetta più alta di quella zona, per questo i nemici erano ben visibili anche in lontananza.
Questo ha reso Sigiriya un luogo perfetto per mimetizzarsi e il re Kassapa lo scelse come suo nuovo palazzo per la sua buona sicurezza. Ha costruito il suo palazzo sulla cima della montagna su cui è difficile arrampicarsi.
Ma poi Sigiriya è stato abbandonato per molti secoli, si pensa anche che non fosse un palazzo fortificato ma un monastero e sito religioso.
Fu riscoperto nel 1898 dagli inglesi e sebbene il sito sia stato abbandonato per molti anni, la grandiosa storia di Sigiriya si è conservata per molti anni fino ad oggi.

Cosa vedere di Sigiriya

È un sito archeologico e richiede almeno mezza giornata per una visita, ti consiglio di partire la mattina presto non solo per evitare la folla, ma soprattutto per evitare il caldo, anche perché una volta raggiunta la sommità della rocca non c’è nemmeno un angolino d’ombra.
Il costo dell’ingresso è di $30 e gli orari della biglietteria sono 8.30-17.30.
La maggior parte delle scale di Sigiriya sono stati ricavati dalla roccia stessa e alcune grandi rocce sono state tagliate e modellate secondo i requisiti.
La roccia di Sigiriya si trova a 370 m sopra le pianure circostanti.
Ci sono molte attrazioni a Sigiriya ecco quelle che ti consiglio qui sotto.

sigirya vista

 

1. Dipinti di Sigiriya (affreschi)

Gli affreschi di Sigiriya sono l’attrazione principale. A circa 100 metri sopra dalla pianura circostante si possono vedere dipinti di Sigiriya.
Gli artisti di questi dipinti antichi erano sconosciuti.
Sul muro sono state disegnate “Apsara” (ninfe celestiali) o donne, concubine del re che indossano gioielli e portano fiori.
Alcuni ritengono che i dipinti rappresentino un personaggio sacro del buddismo tantrico, mentre alcuni credono siano le donne del re, che stavano per offrire i fiori per il tempio.
I disegni e le combinazioni di colori degli affreschi sono unici e non si trovano in nessun’altra parte del paese.
Alcuni credono che gli affreschi abbiano alcune somiglianze con gli “affreschi di Ajantha” in India, ma la maggior parte dei disegni sono unici.
I dipinti sono vecchi di secoli, ma i colori e la bellezza delle donne sono ancora visibili. Si ritiene che ci fossero oltre 500 dipinti sul muro, ma oggi ne rimangono solo meno di 20.

visitare sigiriya

2. Il muro a specchio

Il sentiero che costeggia la parete rocciosa è protetto da un muro esterno alto 3 m, un tempo questo muro era ricoperto da una superficie liscia come uno specchio.
Si diceva che il re potesse vedere la sua faccia su questo muro quando passava.
Su questa superficie liscia come uno specchio i visitatori scrivevano, 1000 anni fa, le loro impressioni.
Questi visitatori hanno scarabocchiato i loro pensieri su questo muro: poesie, scritti riguardanti gli affreschi, la bellezza dei giardini e il palazzo.
La maggior parte degli scritti erano in una lingua antica e rivelavano anche la lingua dell’antico singalese.
Per proteggere le vecchie scritte, ora è vietato scrivere sulla parete dello specchio.
Secondo le prove archeologiche c’erano fino a 685 versi sulla parete dello specchio prima e pochi sono visibili ora.

3. I giardini

I giardini di Sigiriya sono un’altra importante attrazione turistica.
Ci sono tre giardini,

  • i giardini acquatici,
  • i giardini rocciosi
  • ed i giardini terrazzati.

Tra tutti i giardini, il giardino acquatico è stupefacente poiché riflette la tecnologia idraulica dell’antico Sri Lanka. I giardini acquatici sono costituiti da stagni d’acqua collegati al lago artificiale attraverso sistemi idrici sotterranei.
Il sistema idrico ha portato l’acqua in cima e gli ha permesso di fornire un rifornimento idrico continuo al palazzo sulla cima della roccia di Sigiriya.
Durante le stagioni piovose il sistema idrico si attiva e le fontane d’acqua sono visibili ancora oggi.
I giardini rocciosi invece sono stati costruiti per impedire il regno ai nemici ei giardini terrazzati sono stati costruiti ai lati dei percorsi e formati da una scala in pietra calcarea.

visitare sigiriya sri lanka

La sommità
Sulla cima della roccia si possono vedere le rovine dell’antico palazzo del re Kassapa. Alcuni credono che Sigiriya sia stato utilizzato anche come centro di osservazione astrologica, poiché è la vetta più alta di quella zona.
Sebbene l’arrampicata su roccia sia estenuante, i forti venti, il cielo limpido e il verde circostante creano uno scenario indimenticabile.
Sulla piattaforma di 1.6 ettari oggi sono rimaste solo le fondamenta.
La fortezza di Sigiriya è stata distrutta molti anni fa, ma nonostante questo la sua dignità e la sua storia sono ancora evidenti nella sua bellezza ed è grazie a lei che riusciamo a capire di più del passato.
Se visiti lo Sri Lanka, la fortezza di Sigiriya dovrebbe essere una tappa obbligatoria sull’itinerario, per scoprire questa ottava meraviglia del mondo e per vivere la storia unica di Sigiriya.

La nostra esperienza a Sigiriya ed i consigli

Per affrontare questa giornata nel migliore dei modi e senza troppi contrattempi la sveglia è suonata presto e già alle 8.30 eravamo alla biglietteria, pronti per la scalata.
Il cielo era nuvoloso ma la temperatura sempre molto hot, per questo ci siamo attrezzati con cappelli ed acqua fresca a volontà.

rocca di sigiriya sri lanka
La salita è abbastanza lunga e non proprio semplice, ma sicuramente idonea ad ogni età se si è in buone condizioni fisiche e di salute.
Dopo circa 40 min con le varie soste siamo arrivati in cima, qui si è alzato il vento e gli alveari secolari di vespe sono stati disturbati, in un attimo eravamo circondati di vespe giganti, quindi fai attenzione se sei allergico e ti raccomando pantaloni lunghi e scarpe chiuse.

Dopo aver scampato il pericolo delle vespe ed esserci goduti le meraviglie architettoniche e paesaggistiche ci siamo decisi a scendere ed abbiamo notato che il secondo gruppo di persone saliva con la tuta da apicoltore, segno che le vespe possono essere un vero e proprio serio problema.


Si tratta infatti di alveari secolari giganteschi e quindi di una grande mole di vespe che possono rappresentare un bell’ostacolo per i visitatori.

Le raccomandazioni sono quindi di essere coperto il più possibile, non fare rumore come raccomandano anche i cartelli a Sigiriya e di affidarsi ai suggerimenti del personale.


Dopo essere tornati al punto di partenza ci siamo diretti con il nostro accompagnatore verso un luogo che ci permettesse di osservare e fotografare Sigiriya da un altro punto di vista, alle spalle.

rocca di sigiriya sri lanka

La rocca di Sigiriya è stata una delle avventure in terra cingalese più significativa, particolare, faticosa e stravagante che ho vissuto, un patrimonio culturale ed architettonico che lascia il segno, un’attrazione unica e suggestiva.

 

Stefania, copywriter e digital strategist, amo leggere, viaggiare ed ascoltare le storie dal mondo. Adoro l'Asia. Vegan, piena di speranza per un pianeta migliore, innamorata del mio cagnolino Giotto.

Stefania, copywriter e digital strategist, amo leggere, viaggiare ed ascoltare le storie dal mondo. Adoro l'Asia. Vegan, piena di speranza per un pianeta migliore, innamorata del mio cagnolino Giotto.

3 Comments

  1. Visitare lo Sri Lanka è nei miei sogni dal tempo dei Duran Duran, con quel video stupendo, ma nel web ci sono poche indicazioni interessanti. Il tuo articolo è perfetto, Grazie!

  2. Ci sono stata diversi anni fa, ero arrivata sotto un diluvio e le scale erano scivolose …che paura la salita fino alla vetta, ma che meraviglia !
    il tuo articolo la descrive beneissimo e fa venire voglia di partire
    ciao bru

    • admin Reply

      Ciao Cinzia,
      allora sarà stata proprio una super avventura con la pioggia!
      Grazie mille,
      un saluto!

Write A Comment