fbpx
Spagna

Weekend a Valencia, cosa vedere in due giorni

Pinterest LinkedIn Tumblr

Valencia è una delle città più importanti della Spagna, è la terza città più grande del paese dopo Madrid e Barcellona.

Valencia è la capitale della comunità di Valencia, una regione semiautonoma della Spagna, circondata da montagne su tre lati e dal Mar Mediterraneo al confine orientale, Valencia è un vero gioiello, la sua anima è vivace ma rilassata e la sua energia affascinante e calda.

A Valencia puoi scoprire il Sacro Graal e tanti altri tesori nascosti, bere una favolosa maxi spremuta d’arancia e passeggiare tra parchi, spiagge e complessi d’architettura moderni.

La nostra prima impressione su Valencia è stata un abbraccio dolce in una calda serata di Febbraio, è stato come salutare l’inverno in Italia e tutta la complessità Covid, Green Pass e quant’altro e ritrovarsi catapultati in un’isola felice, dove respirare aria di primavera e di serenità condita con un bella dose di brio.

Come arrivare a Valencia

Il modo più comodo per arrivare a Valencia dall’Italia è l’aereo, con Ryanair puoi partire da Roma Ciampino ed in 2 ore sei a giunto a destinazione.

L’aeroporto di Valencia si chiama Manises e si trova a circa 8 km dal centro della città.

Oltre a Ryanair ci sono altre compagnie che volano a Valencia come Vueling, oppure puoi arrivare in treno direttamente da Barcellona, Madrid o Siviglia.

Se sei in macchina per raggiungere Valencia puoi guidare in una comoda rete autostradale che la collega alle principali città spagnole.

La AP-7 ad esempio collega  Valencia a Barcellona e Alicante, e la A-3, ti permette invece di raggiungere Madrid.

Come arrivare dall’aeroporto a Valencia centro

Se come noi l’aereo arriva in tarda serata e non ci sono più metro o bus, con un taxi e circa 20 € puoi arrivare dall’aeroporto al centro di Valencia dove hai prenotato il tuo albergo.

Se invece arrivi di giorno e puoi usare i mezzi pubblici puoi arrivare al centro della città di Valencia grazie alla metro con le linee 3  e 5 o grazie all’autobus n.150.

Con la metro 3 devi scendere a Xavita, invece la linea 5 ti permette di arrivare in zona porto e spiagge,  la Metro funziona dalle 4 alle 23.30 nei giorni lavorativi; dalle ore 5 alle 00.30 nei weekend.

Quanti giorni stare a Valencia

Cosa fare a Valencia
Cosa fare a Valencia

Valencia è una città ricca di musei, monumenti, spiagge  e parchi, ci sono diverse attività da fare che richiedono tempo, ma per respirare un po’ di cultura valenziana e di pace possono bastare anche soli 2 giorni.

Se vai in estate e vuoi godere anche del mare e delle spiagge ti consigliamo di spenderci almeno 5 giorni per goderne a pieno.

Noi abbiamo avuto solo 2 giorni per esplorare Valencia e abbiamo in mente di tornarci presto, ma ad ogni modo siamo riusciti parzialmente ad immergerci in questa florida e speciale città spagnola.

Mappa dei luoghi da vedere a Valencia

Ti lascio qui sotto la mappa con i luoghi più iconici di Valencia, allora che fai, sei pronto per partire?

 

Cosa vedere a Valencia

In due giorni tra bellissimi itinerari a piedi e brevi tragitti in bus siamo riusciti a farci una nostra idea su questa città, la valutazione è estremamente positiva ed è per questo che torneremo di sicuro in zona ed anche per visitare quello che non siamo riusciti a scoprire in queste 48 ore a Valencia.

posti da vedere a Valencia
posti da vedere a Valencia

Cattedrale di Valencia

 

É stata costruita su un tempio romano, diventato poi moschea, e le sue origini risalgono al XIII secolo.

cattedrale valenciaAppena la scorgi in tutta la sua imperiosità ne rimani inebetito, tanti elementi che si intrecciano e vincolano gli uni agli altri dando vita ad una fusione intrigante di stili diversi che costituiscono al finale un’opera grandiosa.

Al momento ci sono dei lavori in corso lungo il perimetro quindi lo spazio che meriterebbe è ridotto e l’entrata principale è schiacciata dalle impalcature dei lavori.

Ci sono 3 porte nella cattedrale di Valencia,

  1. Puerta de los Apostoles di stile gotico,
  2. la Puerta de los Hierros di stile barocco
  3. la Puerta del Palau di stile romanico.

La cosa più stupefacente della cattedrale è che al suo interno è custodito il Sacro Graal, che si pensa sia proprio quello utilizzato da Cristo durante l’ultima cena, è conservato in una cappella chiamata appunto Santo Caliz.

Questo unitamente alle opere di Goya e di Maella e ad altre 90 opere presenti nel Museo della cattedrale di Valencia sono un ottimo motivo per dedicargli una visita approfondita, perlomeno per poter dire di aver finalmente scoperto il Sacro Graal 😉

Il biglietto costa 8€

ORARI DELLA CATTEDRALE DI VALENCIA

  • Dal 1 gennaio al 31 marzo dal lunedì al sabato dalle 10:30 a 17:30 h.
  • Dal 1 aprile al  settembre dal lunedì al sabato dalle 10:30 a 18:30 h.
  • Dal 1 novembre al 31 dicembre dal lunedì al sabato dalle 10:30 a 17:30 h.

Ultima entrata sempre alle 16.30.

Controlla sempre ulteriormente gli orari e le tariffe qui, per info: https://catedraldevalencia.es/

Indirizzo: Plaça de l’Almoina, s/n, 46003 Valencia

Torre Micalet

Se come noi ami le viste panoramiche non puoi rinunciare all’imponente campanile della cattedrale, noto come Miguelete o Micalete. Nonostante i 207 gradini ed una “scala” in alcuni punti molto difficile da percorrere, se hai la voglia di avventurarti puoi  ammirare la magnifica vista panoramica sull’intera città e sul Mediterraneo.

Il biglietto per la torre Micalet costa solamente 2€.

Indirizzo: de la Reina, s/n, 46001 Valencia,

Mercato centrale

Passeggiare nei grandi mercati moderni al centro delle città ti restituisce sempre una chiara visione del luogo in cui ti trovi, ti permette di aggiungere una valanga di odori e colori che si andranno a mischiare alle tue percezioni per definire in modo totale e complesso la tua personale idea dell’anima del posto.

Osservare i banchi di frutta, verdura, carne ed il flusso e i comportamenti delle persone che fanno la spesa ti consente di colorare e definire con precisi dettagli quel pezzo di mondo che stai conoscendo. Il mercato centrale cuore pulsante di vita e di socialità, di abitudini e di scelte quotidiane, camminare in questi microcosmi mi fa sentire parte del tutto, come se mi trasformassi da spettatrice a protagonista e questo semplicemente varcando una soglia e mischiandomi alle persone ed alle loro intenzioni d’acquisto.

Un edificio di architettura modernista, una superficie di oltre 8.000 metri quadrati, il più grande mercato di prodotti freschi d’Europa, più di 1.200 bancarelle ed un bar dove gustare tapas, spremute e tanto altro.

Ti consiglio di prendere parte a questa intrigante festa di colori e sapori e di raccogliere i tuoi frutti sia interiormente che esteriormente 😉

Indirizzo: Il Mercato Centrale si trova Plaza del Mercado a Valencia.

Museo delle arti e delle scienze

Il secondo giorno dopo una rigenerante ed assolata (finalmente!dopo gennaio in Italia) colazione abbiamo deciso di andare a scoprire la bellezza del genio di  Santiago Calatrava, e di raggiungere la Città delle Arti e delle Scienze.

città arti e scienze valencia

Un complesso avanguardistico che rappresenta una finestra sul secolo XXI.

Si compone di diversi edifici con tematiche differenti e visioni diverse:

  • Hemisfèric qui puoi vedere cinema 3d di ultima generazione, visitare il planetario
  • Museo delle Scienze è un edificio spettacolare con esposizioni scientifiche interattive, dove i visitatori si possono interagire e diventare protagonisti di esperimenti.
  • Oceanogràfic puoi scoprire tutti gli ecosistemi del pianeta, dal mondo animale a quello vegetale , l’acquario più grande d’Europa con sette zone marine diverse
  • Palazzo delle Arti dalla forma ovale qui puoi assistere a concerti e spettacoli  negli auditori
  • l’Ágora,  uno spazio multifunzionale che ospita eventi di ogni genere

Qui non perdere anche l’Umbracle, il giardino pubblico progettato sempre dall’architetto Santiago Calatrava che fa parte della Ciutat de les Arts i les Ciències di Valencia.

L’Umbracle è grande circa  17mila metri quadrati con un’area espositiva e un giardino botanico ed inoltre è anche un belvedere, ed un punto di vista panoramico di tutto il complesso architettonico, anche passeggiare qui è un’esperienza da non perdere.

città arti e scienze valencia

Biglietti Museo delle arti e delle scienze di Valencia

Puoi acquistare biglietti per i singoli edifici o biglietti cumulativi che possono durare anche 2 o 3 giorni, per info tariffe ed orari consulta il sito https://www.cac.es/va/home/planea-tu-visita/horario-y-tarifas/tarifas.html

Indirizzo: Av. del Professor López Piñero, 7, 46013 València, Valencia, Spagna

Giardini del Turia

Il Jardin del Turia è uno dei più grandi parchi naturali urbani della Spagna. È lungo più di nove chilometri ed è uno dei cuori verdi pulsanti della città. Un parco molto frequentato da ciclisti, sportivi e da tutti quelli che amano staccarsi dalla città per riposare nella natura.

Questo grande giardino è costruito su un antico letto del fiume Turia che è stato deviato per scongiurare inondazioni della città, qui puoi anche noleggiare bici, tandem o segway. Un altro aspetto molto affascinante è che il Giardino del Turia è attraversato da 18 ponti di diversi periodi e stili architettonici.

ORARI DI APERTURA GIARDINI DEL TURIA

  • Orario estivo da marzo a ottobre: dalle 7:30 alle 21:00.
  • Orario invernale, da novembre e febbraio dalle 08:00 alle 19:00.

Indirizzo: Dal Parque de Cabecera fino alla Ciudad de las Artes y las Ciencias

Torres de Quart

Si tratta di una delle 4 porte maggiori delle antiche mura che circondavano la città vecchia di Valencia.

Le altre erano:

  • le Torri di Serrano
  • la Porta di San Vincente
  • la Porta del Mar

Il nome “Quart” proviene dal latino “at quartum miliarium” ovvero la distanza alla quale si trovava il paese Quart de Poblet.

Le torri sono state costruite nel XV secolo ed erano uno degli ingressi principali alla città per  tutti i viaggiatori furono costruite da Francesc Baldomar e Pere Compte.

Le Torri Quart hanno uno stile gotico militare, e servivano ovviamente come  strumento di difesa ma erano anche magazzino e carcere femminile.

le Torri Quart sono visitabili, dal lunedì al sabato, costo 2 euro mentre nei festivi l’entrata è gratuita.

Indirizzo: Plaça de Santa Ursula, 1, 46003 Valencia

La Basilica della Vergine Degli abbandonati

La Basilica è stata dedicata al Santo Patrono (patrona) della città, è uno dei principali edifici religiosi di Valencia, costruito nel XVII secolo da Diego Marinez Ponce de Urrana. Si tratta di una grande basilica cattolica che si trova in plaza de la Virgen.

Indirizzo: Plaça de la Verge, s/n, 46001 Valencia

La Lonja de la Seda – La Borsa della Seta

La Borsa della Seta è uno dei monumenti gotici  non religioso più famosi d’Europa, occupa un’area di circa 1990 metri quadrati. Si chiama Borsa della Seta proprio perché in passato era il luogo di scambio di questa merce

Indirizzo: Carrer de la Llotja, 2, 46001 Valencia

Quartiere Barrio del Carmen

Si tratta del quartiere più antico e vivace, all’interno della città vecchia, è uno dei quartieri storici di Valencia. Questo quartiere si sviluppò fra due muraglie, musulmana e cristiana. Qui i resti medievali più importanti sono le Torri di Serranos e le Torri di Quart.

In questo quartiere oltre a musei d’avanguardia e arte di strada puoi trovare locali di tapas e ristoranti aperti di giorno e di notte, una parte di città viva ed animata ad ogni ora dove carpire l’essenza di Valencia, dai tempi passati fino ad oggi.

Si tratta di una delle zone preferite da me e Fabio, qui ci si sente a cavallo tra passato e presente, si può scorgere quello che è stato e si riesce ad intravedere anche quello che sarà. Nel quartiere puoi fare shopping, ammirare i negozi, sederti a mangiare churros e cioccolata calda, bere una birra osservando il flusso di persone, ordinare tante tapas e gustarle senza sosta!

Vale sicuramente la pena batterlo per bene a piedi e lasciarsi trasportare dai pensieri e dal dedalo di vicoli che si dipanano senza sosta per offrirti scorci sempre nuovi e visionari.

Spiagge di Valencia

Valencia è una destinazione perfetta anche nella stagione estiva, date le sue spiagge di fine sabbia bianca e la sua bellissima costa.

Infatti a  pochi minuti dal centro puoi trovare le spiagge di Las Arenas e Malvarrosa, e la spiaggia La Patacona. Qui puoi trovare anche spiagge nudiste, mare limpido e  gioielli paesaggistici.

 Spiaggia Malvarrosa:

Una bellissima spiaggia di sabbia dorata, molto frequentata con tutti i comfort infatti sono disponibili bagni pubblici, docce, spogliatoi.  Numerosi anche i bar e i ristoranti sul lungomare, dove mangiare o bere qualcosa dopo il mare.

Spiagga Patacona

Anche qui sabbia  dorata e pulita, ed un’area ben fornita di strutture balneari, si trova in una zona vicino al centro ed è un po’ meno affollata rispetto a spiaggia Malvarrosa.  Ristoranti e chiringuito ti aspettano per rendere la tua vacanza al mare ancora più incredibile!

Spiaggia El Perellò

El Perellò è una piccola spiaggia nella città vecchia non molto nota, ma veramente carina. Calma e silenziosa, molto frequentata dai locals.  L’area presenta anche diverse strutture balneari.

Spiaggia El Saler

Una delle spiagge più grandi di Valencia sabbia bianchissima e morbida con acque super cristalline.  Per raggiungere questo piccolo angolo di paradiso che si trova fuori dal centro devi prendere un bus n.24 scendere a Pinars, il tragitto dura circa 30 minuti. Una volta arrivato qui puoi noleggiare ombrellone e lettini.

Le zone migliori Dove dormire a Valencia

Ciutat Vella

Se sei in città per pochi giorni  ti consiglio di dormire nella Ciutat Vella  dove si trovano le principali attrazioni, come la Cattedrale di Valencia, il Mercado Central oltre che tutti i bar e ristorantini dove gustare birra e tapas.

In questa zona potrai spostarti a piedi come abbiamo fatto noi e godere della città di giorno e di sera.

In questa zona i quartieri più indicati sono:

il Barrio del Carmen , la Seu e la Xerea,  i prezzi e le sistemazioni qui sono per ogni gusto e tasca, anche le soluzioni più economiche sono carine e confortevoli.

Noi abbiamo dormito qui, modesto ma pratico:

Cosy Rooms Tapineria

stanza piccola ma con bagno privato, tv, wi-fi, riscaldamento e aria condizionata e tutto il necessario per un soggiorno breve.

Prezzo: dai 40€ ai 60€ a notte a seconda del periodo.

Eixample

Se cerchi una zona più tranquilla per riposare meglio la notte, lontano dalla vida loca spagnola, allora il quartiere Eixample è perfetto. Anche qui sarà semplice spostarsi a piedi, è una zona molto più chic ed elegante ed ovviamente i prezzi sono molto più alti, qui trovi hotel di fascia medio -alta.

Ruzafa

É uno dei quartiere più cool di Valencia, è una zona vivace con molte gallerie d’arte, caffetterie, librerie. Anche qui sarà facile muoversi a piedi e girare bene tutta la città. Si tratta di una zona centrale, ma un po’ meno turistica.

Dove mangiare a Valencia

Le zone migliori sono sicuramente nella Città Vecchia, sul lungomare e puoi fare una pausa pranzo deliziosa anche al Mercato Centrale. Se come noi sei veg ci sono anche diversi locali interamente vegetariani e vegani o alcuni bar con proposte vegan friendly.

Come muoversi a Valencia

A Valencia, come ti ho detto, è molto facile muoversi a piedi per tutta la città, noi siamo tornati dalla città delle scienze a piedi fino al centro ed abbiamo percorso solo pochi Km.

Inoltre Valencia ha  60 linee di autobus, 5 di metropolitana e 4 di tram. Gli autobus sono molto comodi(il biglietto puoi farlo a bordo) e possono portarti anche dal centro città (fermata vicino al Mercato centrale) fino all’aeroporto con una corsa di soli 40 minuti.

Se odi andare a piedi o hai preso un albergo lontano dal centro ti consiglio di fare la Valencia Tourist Card comoda ed economica che consente spostamenti illimitati per 24, 48 o 72 ore. Inoltre prevede anche ingressi gratuiti e sconti su musei, monumenti ed attrazioni

Per info ed acquisti:

VALENCIA TOURIST CARD

Stefania, copywriter e digital strategist, amo leggere, viaggiare ed ascoltare le storie dal mondo. Adoro l'Asia. Vegan, piena di speranza per un pianeta migliore, innamorata del mio cagnolino Giotto.

Write A Comment

SCARICA LA GUIDA GRATUITA
“COME COSTRUIRE UN BLOG DI VIAGGIO”