fbpx
Destinazioni

Escursioni nei dintorni di Trento: Lago di Santa Colomba, Lago di Lases e Piramidi di Segonzano

Pinterest LinkedIn Tumblr

Amo molto le vacanze in montagna, l’ambiente offre sempre nuovi spunti per l’avventura. Esplorare i sentieri di montagna, la sua fitta vegetazione e gli animali che la abitano fa brillare la mia immaginazione e mi permette di connettermi sempre più profondamente a madre natura.

Per questo, per la nostra vacanza in Trentino abbiamo dedicato molto spazio ai trekking, che io chiamo arcaicamente “scarpinate” facendo sganasciare dalle risate Stefania. Alcuni di questi percorsi si inerpicano per svariati km in salita, e sono abbastanza impegnativi, considerato il fatto che nel nostro gruppo, se si esclude il nostro cagnolino Giotto, nessuno è ancora un professionista delle escursioni.

Oltre alla fatica del trekking, quando visiterai il Trentino, ti accorgerai che dal tuo alloggio, per visitare i posti più caratteristici, sarà necessario guidare la tua auto per molti km, spesso di curve, che si traduce in diverse ore di viaggio al giorno. Se hai un camper tutto questo sarà romanticamente più facile.

Come intuirai facilmente, è necessario far seguire a qualche giorno da leone ricco di scalate e rally in montagna, almeno un giorno da pecora dove il riposo, quantomeno dalla guida, sarà protagonista.

Il nostro campo base era un comodo appartamento nel centro di Trento, il giorno prima avevamo percorso un trekking di circa 16 km in val di Fassa con annesse 3 ore di guida, così implorai Stefania di valutare di organizzare la giornata in zone limitrofe a Trento, facili da raggiungere in poco tempo e con percorsi non troppo faticosi.

Ci è venuta l’idea di visitare il Lago di Santa Colomba, le piramidi di Segonzano e nel tragitto tra il primo e le seconde fare una sosta al Lago di Lases.

Lago di Santa Colomba

Il Lago di Santa Colomba è un piccolo lago nelle vicinanze di Trento, seguendo le indicazioni per Civezzano, lo abbiamo raggiunto in solo 25 minuti di auto, si trova precisamente tra il paese di Civezzano e quello di Albiano.

Una volta arrivati abbiamo subito capito che non fosse una meta troppo battuta dai turisti, in quanto, nonostante fossimo in pieno agosto si poteva godere di una certa pace.

trento lago santa colomba

Il Lago di Santa Colomba è abbastanza piccolo, ma è adatto anche alla balneazione, fare un tuffo è possibile da quasi tutto il perimetro del lago ed è provvisto anche di una piccola spiaggia.

Il giro del lago di Santa Colomba è un facilissimo percorso rilassante adatto a tutti, ma se ami le passeggiate come me, ti consiglio di intraprendere uno dei tanti sentieri che partono dal lago.

Come per il lago anche i sentieri del lago di santa colomba sono poco battuti e ti godrai una passeggiata super piacevole immerso nella foresta di conifere ed allietato dal cinguettio degli uccelli.

Sempre che tu non faccia la mia esperienza, essere punto da una vespa mentre facevo l’acrobata su un tronco caduto…un momento di gloria vanificato.

Vespa a parte, la puntura non ha creato troppo disturbo, il percorso è stato un vero toccasana per la nostra mente ed è stato ricco di spunti di riflessione per Giotto che si aggirava gioioso e scodinzolante con le narici pronte a captare ogni minimo odore.

Lago di Lases

Dal Lago di Santa Colomba sono tornato alla guida del mio bolide in direzione del Lago di Lases, ci sono voluti solo 11 minuti di tranquilla andatura su una strada quasi per nulla trafficata.

In prossimità del lago parcheggiamo in un parcheggio a pagamento al costo di 0,80€/h.

Ci accorgiamo subito che qui la gente è più accalcata, ma comunque il posto sembra deserto se paragonato ad una qualsiasi spiaggia del Salento in alta stagione.

Come molti laghi alpini anche questo è un placido specchio d’acqua del colore dello smeraldo incorniciato dalle montagne che arrivano fino a toccare la riva, insomma un posto da favola.

lago lases trento

È possibile rilassarsi, leggere un libro e prendere tranquillamente il sole sul prato all’inglese a ridosso della riva, anche se non è decisamente troppo spazioso.

Seguendo un piccolo percorso si arriva ad un’altra piccola spiaggia in erba che divide il lago dal paese di Lases, un borgo circondato da affascinanti mura merlate.

Ci siamo avventurati nel paesino, le sue mura mi lasciavano immaginare qualcosa di prezioso custodito al loro interno. In realtà, una volta entrati, ho capito che talvolta bisogna sapersi accontentare dell’aspetto esteriore. Nulla di orribile ma le mie aspettative erano forse troppo alte.

Piramidi di Segonzano

Dopo una breve sosta al Lago di Lases, siamo partiti nuovamente con destinazione Piramidi di Segonzano.

In soli 8 minuti di auto siamo arrivati al parcheggio ed alla biglietteria per i sentieri delle piramidi.

Se hai i miei stessi processi mentali, quando parlo di piramidi ti verranno sicuramente in mente le famosissime tombe dei faraoni egiziani, ma qui siamo a Segonzano e le piramidi sono di terra, uno spettacolare fenomeno naturale.

Alcune montagne di terra si sono erose nel tempo dando origine a delle sculture naturali molto caratteristiche, le forme di solito ricordano quella di un tronco di cono sormontato da un masso, oppure delle creste di terra affilate.

Le Piramidi di Segonzano possono essere osservate a 3 livelli, per percorrere l’intero sentiero occorrono circa 2h e 30 minuti.

Apparentemente il percorso è adatto a tutti, ma non farti ingannare, il percorso è molto ripido ed effettuarlo in una giornata calda, come abbiamo fatto noi fa vacillare anche signori atleti a 4 zampe come Giotto, che dopo un po’ si è sdraiato a terra ed ha tirato fuori la lingua per rifiatare un po’.

Per fortuna si può percorrere il percorso anche parzialmente e dopo aver goduto della vista delle piramidi di terra, del primo e del secondo livello, abbiamo deciso di invertire la rotta e tornare al parcheggio.

In realtà la scelta è stata anche dovuta ad un saggio suggerimento della bigliettaia che ci ha svelato che le piramidi del 3° livello non si vedono bene a causa della crescita della vegetazione.

Tornando a “valle” ci siamo fermati per una birretta nel comodo bar a ridosso della biglietteria che ci ha permesso di recuperare le energie e rinfrescarci un po’.

Prima del calar del sole abbiamo deciso di tornare a Trento per cena ed in soli 30 minuti eravamo al nostro campo base.

Biglietteria Piramidi di Segonzano

  • Adulti: 3,00€
  • Ridotto (bambini o persone over 65): 2,00€
  • Gruppi >20 persone: 1,00€

I dintorni di Trento hanno saputo regalarci una giornata facile ma entusiasmante che ci ha permesso di recuperare le energie spese nei giorni più impegnativi.

Fabio, appassionato di storia e di pizza, ama viaggiare, girare video, leggere e fare diving. Innamorato anche lui di Giotto.

Write A Comment

SCARICA LA GUIDA GRATUITA
“COME COSTRUIRE UN BLOG DI VIAGGIO”