fbpx
Italia

Val di Fassa, Passo Sella: trekking

Pinterest LinkedIn Tumblr

Il Trentino è laghi, ruscelli, aria fresca, verde lussureggiante ma per una famiglia con un cagnolino vuol dire senza dubbio passeggiate e trekking in mezzo alla natura!

Quindi dopo la prima giornata di escursione soft per ambientarci partiamo con una sfida per noi e Giotto e decidiamo di raggiungere i 2000 m senza avvalerci della funivia ma contando solo sulle nostre forze e sui nostri muscoli, d’altronde vogliamo sfruttare tutta la bellezza circostante e toccarla con mano in modo sentito e vero!

La montagna ti offre delle sfide che devi cogliere e vincere, e noi anche se con qualche beffa, ce l’abbiamo fatta 😉

trentino trekking passo sella

LOCALITÀ: CAMPITELLO DI FASSA – CANAZEI

ESCURSIONE NELLA VAL DI FASSA

Fondo stradale: Sterrato – Prato
Durata: 2.00 ore
Difficoltà: Medio
Dislivello: 718 m
Lunghezza: 5,92 km

IL NOSTRO TREKKING NELLA VAL DI FASSA

Abbiamo parcheggiato presso l’Hotel Lupo Bianco a Pian de Frataces, e poi dopo aver snobbato incautamente(l’avremo poi pagata con salite e sole a picco in testa) la funivia ci siamo avventurati nel sentiero, scendendo a destra e poi proseguendo su un ponticello di legno che finisce con un segnale di sentiero n.655.

Dopo delle brevi soste per bere e maledire noi stessi per aver scelto il momento peggiore della giornata per iniziare il trekking abbiamo continuato a salire fra baite e fienili e siamo arrivati fino al ponte Ruf de Val, ci siamo poi inoltrati in un bosco e siamo arrivati in un piccolo prato chiamato Pian de Marizanela.

canazei trekking medio

Dopo una ripida salita si raggiunge la bellissima conca di Val nota dove Giotto si è davvero esibito in corse festose  e gioia a non finire e noi ci siamo riposati. Poi di nuovo a sinistra verso una salita dove si arriva di nuovo ad un pianoro, Pian de Jiadoes a 2000 m.

Dopo averlo superato ed aver camminato in un tratto di bosco si entra nella Val Salei, e risalendo piano piano si raggiunge finalmente Passo Sella ed il rifugio Valentini, dove ci fermiamo per congratularci con noi stessi e per gustare il fresco ed un buonissimo caffè a 2218 m!

rifugio valentini trentino

Dopo la breve sosta continuiamo verso sinistra e più carichi che mai continuiamo la salita fino al Rifugio Salei ed infine il rifugio molto chic Des Alpes.

trekking canazei

Da qui si potrebbe poi iniziare il sentiero che in circa 15 minuti permette di raggiungere  Col Rodella a 2.484 m da cui si può godere del panorama circolare sulle Dolomiti di Fassa.

Ci fermiamo ed increduli guardiamo la funivia per 4 minuti la troviamo chiusa e spenta, era in funzione fino alle 17 e sono le 17.04, quindi nostro malgrado dobbiamo tornare a piedi.

Ci incamminiamo preoccupati non della fatica,(anche perché la salita ed il caldo oramai li abbiamo superati) ma del tempo e del buio e per Giotto, poiché il sentiero richiede circa 2 ore di tempo.

trekking canazei con il cane

Invece Giotto ci umilia con la sua prestazione e la sua prestanza fisica e percorriamo il sentiero al ritorno in tempi davvero brevissimi quasi meno di un’ora!

CONCLUSIONI E CONSIGLI

Questo trekking è stato davvero molto bello per i panorami che ci ha regalato, per  i colori, per i profumi, per la varietà di paesaggi ed anche per l’impegno e la fatica che ci ha richiesto e per l’entusiasmo contagioso che ha scatenato nel nostro cagnolino!

Consigliato, ma non è proprio un sentiero semplice quindi richiede un po’ di impegno e buone condizioni fisiche.

Stefania, copywriter e digital strategist, amo leggere, viaggiare ed ascoltare le storie dal mondo. Adoro l'Asia. Vegan, piena di speranza per un pianeta migliore, innamorata del mio cagnolino Giotto.

Stefania, copywriter e digital strategist, amo leggere, viaggiare ed ascoltare le storie dal mondo. Adoro l'Asia. Vegan, piena di speranza per un pianeta migliore, innamorata del mio cagnolino Giotto.

1 Comment

  1. Dev’esser stato molto stancante ma immagino la soddisfazione dell’arrivo in cima al rifugio, e anche il non aver fatto in tempo a prendere la funivia per il ritorno, sicuramente ha reso il percorso trekking ancor più avventuroso. Grazie per i consigli e per l’idea di una passeggiata trekking con cagnolino al seguito 🙂

Write A Comment